L’orologio. Il capolavoro sconosciuto di Carlo Levi

Il 29 novembre 1902 nasceva a Torino lo scrittore e pittore Carlo Levi

Tutti conoscono Cristo si è fermato a Eboli, pubblicato nel 1945 da Carlo Levi. Molti ignorano, invece, L’orologio, libro che apparve cinque anni dopo e che intreccia, come il primo, saggistica e narrazione

 Qui la scena si sposta da uno sperduto villaggio lucano nella capitale. Prima di trasferirsi a Napoli con un viaggio assai avventuroso, il protagonista-narratore (trasparente alter ego dell’autore) si aggira per tre giorni nelle strade di Roma, tra squallidi alberghi, osterie popolari e Palazzi della politica: sono le giornate del dicembre 1945 in cui cade il governo di Ferruccio Parri e a molti pare definitivamente perduta l’atmosfera vivificante della Resistenza in cui non si pensava esistesse differenza fra i politici e la gente comune. E’ la fine di una grande illusione.

Eravamo partiti che volevamo la rivoluzione mondiale, poi ci siamo accontentati della rivoluzione in Italia, e poi di alcune riforme, e poi di partecipare al Governo, e poi di non esserne cacciati. Eccoci ormai sulla difensiva: domani saremo ridotti a combattere per l’esistenza di un partito, e poi magari di un gruppo o di un gruppetto.

Al termine della propria breve odissea – tra una folla di mendicanti prostitute commercianti ambulanti reduci partigiani e giovani intellettuali, che spesso ne vivacizzano il racconto con le loro svariate testimonianze – l’atto d’accusa di Levi si rivolge contro la burocrazia parassitaria del sottogoverno (contro il suo linguaggio sacro e convenzionale e i suoi rituali incomprensibiliuno stagno di interessi e di intrighi gestito tra astuziemaneggi astratte contese) che anche dopo il fascismo trova in Roma una perpetua  continuità, riciclandosi con il consueto, gattopardesco trasformismo. Sono i cosiddetti “Luigini“, che si contrappongono ai “Contadini” (ovvero ai ceti produttivi) e si concentrano innanzitutto nei ministeri.

Un Ministero. voi non sapete che cos’è un Ministero. Nessuno lo sa, se non ci sta dentro. Non è neanche immaginabile. E’ un mondo sconosciuto, sotterraneo e infernale. E’ la raccolta miracolosa di tutte le miserie […] Quei muri isolano dal mondo di fuori una casta chiusa di piccoli borghesi degenerati e miserabili, sordi e ciechi e insensibili a tutto se non ai loro piccoli bisogni, alla loro omertà, ai loro intrighi talmente meschini e microscopici da riuscire incomprensibili. Il Ministero è una specie di tempio, dove si adorano e perfezionano i vizi più abbietti, i tre più desolati peccati mortali: la pigrizia, l’avarizia e l’invidia.

Nel romanzo autobiografico di Levi non manca una cruda descrizione della miseria delle plebi, che culmina nella visita alle borgate e specialmente al Lotto 42 della Garbatella, tra bambini cenciosi e grappoli di topi. Tuttavia si è fuori dai canoni del neorealismo: su tutto dominano la soggettività del protagonista e il suo monologo interiore, che del mondo circostante percepisce la dimensione mitica e onirica. Come nella perdita dell’orologio (smarrito in sogno e poi rotto all’inizio del romanzo) che pare simboleggiare una frattura nel tempo storico – e una crisi della fiducia nel progresso – e che dà il titolo al romanzo.

Continua a leggere

Scrivi tu

    Benvenuto!
    Il blog Il folle volo è uno spazio aperto.
    Inviaci segnalazioni di “Luoghi” letterari nella tua zona o di eventi che hanno a che fare con il mondo della Letteratura, oppure carica articoli o presentazione di esperienze didattiche sui temi trattati dal blog.
    Compila il form sottostante e allega il tuo contributo.
    Gli autori e la redazione del blog valutano tutte le immagini e i testi che vengono inviati a Il folle volo.
    Se il tuo contributo verrà ritenuto idoneo, riceverai una mail che ti avviserà della pubblicazione nel nostro blog.

    N.B. Queste liberatorie sono necessaria per consentirci di analizzare il tuo contributo ed, eventualmente, procedere con la pubblicazione. Spunta entrambe le caselle per procedere con l’invio del materiale.

    Ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali saranno trattati solo per eventuale ricontatto in caso di pubblicazione nel blog del materiale da te inviato.
    Se hai meno di 14 anni non puoi registrarti né fornire relative autorizzazioni (D.Lgs. 10/8/2018 n. 101).
    Inviando il seguente messaggio dichiaro di aver letto l’informativa privacy

    Sei un docente e vuoi rimanere in contatto con noi in modo da essere informato sulle iniziative e sulle proposte di SEI per il mondo della scuola?
    Vedi la nostra informativa completa cliccando qui e poi indica cosa preferisci

    Sì, ho letto l’informativa e voglio rimanere in contatto con SEINo, non sono interessato

    Ricorda che se cambi idea, ti puoi cancellare dal servizio in qualunque momento cliccando sull’apposito link che troverai in ogni comunicazione ricevuta.