Infine arriva Montale

La passione per la letteratura, che è passione per la vita. La passione per il proprio lavoro di insegnante, che è passione per gli studenti. La passione per la scrittura, che è passione per la ricerca del senso della vita.
Tutto questo ritroviamo in questa riflessione su Montale e sul mondo della scuola che ci giunge da Chioggia, dalla professoressa Concetta Ricottilli dell’Istituto Righi. Una riflessione che è anche un appassionato congedo dai suoi studenti.

E infine arriva Montale.

Puoi fare tutti i tagli che vuoi, personalizzare il programma, che non è un programma, ma sono solo indicazioni, ma da Montale non prescindi. Montale arriva, e il cerchio si chiude.

Sembra che tutta la natura e il corso della storia e delle stagioni concorrano a questo momento, e all’improvviso, Montale è ovunque.

Nel nostro vecchio maggio, “meriggiando pallidi e assorti” presso i Murazzi a San Felice e alla Diga a Sottomarina, nell’incartocciarsi delle poche foglie riarse, ma soprattutto in quella statua della sonnolenza nel meriggio, china sugli appunti del primo ripasso masticando il tappo della Bic e guardando quel gabbiano alto levato… (niente falchi qui). E mai come oggi, dal balcone di casa, “sotto l’azzurro fitto del cielo qualche uccello di mare se ne va“… sperimentiamo che tutte le immagini portano scritto: “Più in là!“. La Fase 2 è il nostro “più in là”.

Montale è in quella striscia di giallo splendente che a maggio accende i campi della pianura veneta, è la colza, che non è zafferano, ma è quanto di più giallo io possa mostrarvi, per farvi capire quanto splenda un crocoperduto in un polveroso prato, così come la colza ingrigisce e secca, e torna polvere.

E quante volte ci avete chiesto la parola, “la formula che mondi possa aprirvi”, quante volte vi abbiamo ripetuto che dovevate alzare la mano e quante risposte abbiamo abbozzato, ma mai sillaba fu più storta e secca di quelle che possiamo darvi oggi, davanti allo schermo di un PC. Anche se alzate la mano non vi vediamo, perché tenete microfoni e videocamere spente, e chissà se ci siete ancora.

Torna Montale, che scrisse di Gandhi, wow, così anche tu hai quel compito, di scrivere di Montale che scrisse di Gandhi, e ci sarebbe da ridere se non fosse che la tua prof è terribilmente seria.

Montale che snobba i poeti laureati, e così ci dà il via, perché proprio da essi cominciamo il ripasso: un’acca di Carducci e venti di D’Annunzio. Montale che nelle letterature va con De Chirico, ed eccolo in quelle piazze vuote e assolate, che somigliano tanto a quelle dell’Italia della Fase 1.

Anche noi cerchiamo i correlativi oggettivi del tempo appena trascorso: il telo con l’arcobaleno sbiadito, la mascherina e i guanti, la griglia delle vostre iniziali su Grid View, il lievito madre, il balcone assolato.

Dalla prima alla quinta “è stato breve, il nostro lungo viaggio”, siamo cresciuti insieme e vi voglio bene, (ecco, l’ho detto), ed ora eccoci qui, con Montale che chiude il cerchio, ad aspettare quel colloquio dal quale dipenderà il vostro diploma, che nel numero dei “quaranta” determinerà l’esito della partita, sancita dalla divina Indifferenza di una task force che non vi conosce. Svelerà per voi una Maturità nella quale non si scommetteva, tutto (perfino la busta) avremmo accettato, ma non così, e ci troveremo tra un mese o poco più, seduti e ben distanziati in quell’aula asettica. E dietro alla mascherina parleremo e parleremo, di tutto e di niente, per riempire quell’ora, ma di una cosa siamo certi: essa racconterà di noi solo ciò che non siamo. Ciò che non vogliamo.

Concetta Ricottilli 
Docente di Materie Letterarie presso l’IIS Cestari Righi di Chioggia (VE)

Continua a leggere

Scrivi tu

Benvenuto!
Il blog Il folle volo è uno spazio aperto.
Inviaci segnalazioni di “Luoghi” letterari nella tua zona o di eventi che hanno a che fare con il mondo della Letteratura, oppure carica articoli o presentazione di esperienze didattiche sui temi trattati dal blog.
Compila il form sottostante e allega il tuo contributo.
Gli autori e la redazione del blog valutano tutte le immagini e i testi che vengono inviati a Il folle volo.
Se il tuo contributo verrà ritenuto idoneo, riceverai una mail che ti avviserà della pubblicazione nel nostro blog.

N.B. Queste liberatorie sono necessaria per consentirci di analizzare il tuo contributo ed, eventualmente, procedere con la pubblicazione. Spunta entrambe le caselle per procedere con l’invio del materiale.

Ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali saranno trattati solo per eventuale ricontatto in caso di pubblicazione nel blog del materiale da te inviato.
Se hai meno di 14 anni non puoi registrarti né fornire relative autorizzazioni (D.Lgs. 10/8/2018 n. 101).
Inviando il seguente messaggio dichiaro di aver letto l’informativa privacy

Sei un docente e vuoi rimanere in contatto con noi in modo da essere informato sulle iniziative e sulle proposte di SEI per il mondo della scuola?
Vedi la nostra informativa completa cliccando qui e poi indica cosa preferisci

Sì, ho letto l’informativa e voglio rimanere in contatto con SEINo, non sono interessato

Ricorda che se cambi idea, ti puoi cancellare dal servizio in qualunque momento cliccando sull’apposito link che troverai in ogni comunicazione ricevuta.