Il Sessantotto di Pasolini. Lo scandalo di Teorema

 Nella primavera del 1968 l’editore Garzanti pubblica Teorema di Pasolini. Nell’estate viene presentato al Festival del Cinema di Venezia l’omonimo film, alla cui sceneggiatura il regista aveva lavorato negli stessi mesi in cui scriveva il romanzo. Ma già nel 1966 si era a lungo impegnato nella stesura di un omonimo testo teatrale, una tragedia in versi rimasta incompiuta.

È quindi evidente la particolarità di quest’opera nel suo percorso artistico: non si tratta soltanto dell’ultimo lavoro narrativo portato a termine da Pasolini, ma di un’elaborazione condotta attraverso generi e codici diversi, dove il linguaggio cinematografico si sovrappone a quello teatrale, mentre nelle pagine del romanzo la poesia si alterna alla prosa quasi lirica del racconto.

Tuttavia la novità eversiva di Teorema non si limita all’amalgama linguistico e al doppio binario compositivo del libro e del film. Pasolini definisce il proprio libro (oltre che uno scandalo) una parabola e al tempo stesso un referto:

il nostro, più che un racconto, è quello che nelle scienze si chiama un referto: esso è dunque molto informativo […] Inoltre esso non è realistico, ma è al contrario emblematico… enigmatico…

Oggetto di una diagnosi impietosa è una famiglia della borghesia milanese – padre imprenditore, madre annoiata, figlio e figlia in crisi adolescenziale e una colf d’origine contadina – che riceve la visita di un misterioso Ospite, un giovane sconosciuto che emana un fascino straordinario e sconvolge le loro esistenze. Nessuno resiste alla sua sensualità innocente e alla sua attrazione: e dopo la sua partenza ognuno andrà incontro a esiti sconcertanti.

In definitiva, sembrano emblematici lo sfaldamento dell’istituzione familiare e il crollo di tutto il mondo dei doveri, mentre il referto denuncia il male incurabile da cui è affetta la classe borghese. Viene messa a nudo la sua ipocrisia (ovvero la principale regola del gioco, che consiste nel non scoprirsi mai): e ciò avviene, osserva Pasolini, per un’irruzione del sacro.

Una storia religiosa: un Dio che arriva in una famiglia borghese: bello, giovane, affascinante, con gli occhi celesti. E ama tutti: dal padre alla serva. Teorema, come indica il titolo, si fonda su un’ipotesi per absurdum. Il quesito è questo: se una famiglia borghese venisse visitata da un giovane dio, fosse Dioniso o Jehova, che cosa succederebbe?

In questa prospettiva si comprendono i riferimenti – sin dall’esergo – al libro biblico dell’Esodo, all’apostolo Paolo e al tema del deserto. Ma non meno importanti appaiono altri echi letterari: in primo luogo a Rimbaud, di cui l’Ospite si mostra appassionato lettore; e poi nei versi conclusivi, in cui il padre (dopo aver ceduto la fabbrica agli operai ed essersi denudato nella Stazione Centrale) s’inoltra nel deserto metropolitano, emettendo un urlo che evoca insieme il dipinto di Munch e la nota poesia di Ginsberg.

E’ impossibile dire che razza di urlo 
sia il mio: è vero che è terribile
– tanto da sfigurarmi i lineamenti
rendendoli simili alle fauci di una bestia –
ma è anche, in qualche modo, gioioso,
tanto da ridurmi come un bambino.
È un urlo fatto per invocare l’attenzione di qualcuno
o il suo aiuto; ma anche, forse, per bestemmiarlo.
È un urlo che vuol far sapere,
in questo luogo disabitato, che io esisto,
oppure, che non soltanto esisto,
ma che so […]
Ad ogni modo questo è certo: che qualunque cosa
questo mio urlo voglia significare,
esso è destinato a durare oltre ogni possibile fine.

Continua a leggere

Scrivi tu

    Benvenuto!
    Il blog Il folle volo è uno spazio aperto.
    Inviaci segnalazioni di “Luoghi” letterari nella tua zona o di eventi che hanno a che fare con il mondo della Letteratura, oppure carica articoli o presentazione di esperienze didattiche sui temi trattati dal blog.
    Compila il form sottostante e allega il tuo contributo.
    Gli autori e la redazione del blog valutano tutte le immagini e i testi che vengono inviati a Il folle volo.
    Se il tuo contributo verrà ritenuto idoneo, riceverai una mail che ti avviserà della pubblicazione nel nostro blog.

    N.B. Queste liberatorie sono necessaria per consentirci di analizzare il tuo contributo ed, eventualmente, procedere con la pubblicazione. Spunta entrambe le caselle per procedere con l’invio del materiale.

    Ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali saranno trattati solo per eventuale ricontatto in caso di pubblicazione nel blog del materiale da te inviato.
    Se hai meno di 14 anni non puoi registrarti né fornire relative autorizzazioni (D.Lgs. 10/8/2018 n. 101).
    Inviando il seguente messaggio dichiaro di aver letto l’informativa privacy

    Sei un docente e vuoi rimanere in contatto con noi in modo da essere informato sulle iniziative e sulle proposte di SEI per il mondo della scuola?
    Vedi la nostra informativa completa cliccando qui e poi indica cosa preferisci

    Sì, ho letto l’informativa e voglio rimanere in contatto con SEINo, non sono interessato

    Ricorda che se cambi idea, ti puoi cancellare dal servizio in qualunque momento cliccando sull’apposito link che troverai in ogni comunicazione ricevuta.