Il poema cavalleresco: un percorso di confronto tra Ariosto e Tasso

Orlando furioso e Gerusalemme liberata non sono solo due capolavori della letteratura italiana, ma anche lo specchio dell’epoca  in cui furono scritti, oltre che della personalità e della visione del mondo dei loro autori. Per questo, può essere molto interessante proporre in classe un percorso di lettura parallela di alcuni passi dei due poemi, così da evidenziarne somiglianze e differenze; il percorso risulterà più ricco richiamando concetti già affrontati in storia o filosofia (le diverse temperie culturali di Rinascimento e Controriforma) o procedendo in parallelo con lo svolgimento delle programmazioni disciplinari.

Si inizierà, ovviamente, dalla presentazione delle caratteristiche generali dei due poemi, cercando di sintetizzarle in una tabella comparativa come questa:

Orlando FuriosoGerusalemme liberata
Processo redazionaleTre differenti redazioni e pubblicazioni (1516, 1521, 1532) …Lungo processo di revisioni e modifiche…
Nuclei narrativiTre vicende principali (guerra, amore e follia di Orlando, amore tra Ruggiero e Bradamante) legate con la tecnica dell’entrelacement + numerose vicende secondarieUn unico nucleo narrativo (la conquista di Gerusalemme), da cui si dipartono alcune vicende secondarie
Tempo Epoca di Carlo Magno, Medioevo indefinitoEpoca della I crociata (1099)
SpazioPluralità di luoghi…Unità di luogo…
Personaggi

Se si volessero anche approfondire i diversi atteggiamenti morali e psicologici dei due autori, si può proporre alla classe la lettura di un estratto da una delle Satire ariostesche (ad esempio, Satira IV, vv. 109-135, o Satira III, vv. 10-60) e il celebre Coro dell’Atto I dell’Aminta di Tasso.

La lettura dei due poemi procederà dunque in parallelo, selezionando alcuni passi ad hoc che possano essere facilmente confrontati; in particolare, i tre che verranno ora indicati risultano particolarmente significativi ed efficaci, ma ve ne sono molti altri che potrebbero essere adatti.

Orlando FuriosoGerusalemme liberata
I due proemiI, 1-4La protasi: la ripresa di Boiardo (“l’arme e gli amori”) e i tre nuclei narrativiL’invocazione ironica alla Musa/donna amataLa dedica e l’atteggiamento del poeta verso il proprio signoreI, 1-5La protasi: un solo argomento del poemaL’invocazione alla Musa celesteLa dedica “militante” e l’atteggiamento del poeta verso il proprio signoreLa dichiarazione di poetica (“miscere utile dulci”, scopo morale della letteratura)
Il duello tra un cristiano e un saracenoIl duello tra Rinaldo e FerraùI, 11-23causa del duello: l’amore per Angelicaallo scontro vero e proprio è dedicata poco più di un’ottavaassenza di violenza → dialogopur nella differenza di fede, i due contendenti condividono lo stesso codice cavallerescointervento del narratore → ironiaIl duello tra Argante e TancrediVI, 37-50causa del duello: una sfida al nemicolo scontro è lungo, dettagliato e teatraleviolenza e la crudezza  (attenzione ai campi semantici) →  manca il dialogoil guerriero saraceno viene descritto come un brutointervento del narratore →  pathos
Un luogo emblematicoIl castello di AtlanteXII, 4-22luogo accogliente, lussuoso, confortevoleil percorso dei paladini è labirintico (uso dei deittici)l’errare/errore dei paladini è ripetuto (vicenda di Rinaldo speculare a quella di Orlando)la magia non ha connotazione negativa o positival’illusione è generata dal desiderio (non solo da quello amoroso)manca approfondimento psicologico delle ragioni dei personaggiTancredi nella selva di SaronXIII, 32-49luogo inquietante, pauroso, cimiterialeil percorso di Tancredi è lineare, con ostacoli successivi (schema del “viaggio iniziatico”)Tancredi è l’unico eroe in grado di entrare nella selvala magia è demoniaca e infernalel’illusione (causata dalla passione, che svia Tnacredi dai suoi doveri) genera incubipsicologia di Tancredi  indagata in profondità

Può essere utile, nello svolgimento del percorso, utilizzare un supporto visivo per raccogliere via via le osservazioni e le considerazioni degli studenti (file condiviso, Padlet, Jamboard…).

Continua a leggere

Scrivi tu

    Benvenuto!
    Il blog Il folle volo è uno spazio aperto.
    Inviaci segnalazioni di “Luoghi” letterari nella tua zona o di eventi che hanno a che fare con il mondo della Letteratura, oppure carica articoli o presentazione di esperienze didattiche sui temi trattati dal blog.
    Compila il form sottostante e allega il tuo contributo.
    Gli autori e la redazione del blog valutano tutte le immagini e i testi che vengono inviati a Il folle volo.
    Se il tuo contributo verrà ritenuto idoneo, riceverai una mail che ti avviserà della pubblicazione nel nostro blog.

    N.B. Queste liberatorie sono necessaria per consentirci di analizzare il tuo contributo ed, eventualmente, procedere con la pubblicazione. Spunta entrambe le caselle per procedere con l’invio del materiale.

    Ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali saranno trattati solo per eventuale ricontatto in caso di pubblicazione nel blog del materiale da te inviato.
    Se hai meno di 14 anni non puoi registrarti né fornire relative autorizzazioni (D.Lgs. 10/8/2018 n. 101).
    Inviando il seguente messaggio dichiaro di aver letto l’informativa privacy

    Sei un docente e vuoi rimanere in contatto con noi in modo da essere informato sulle iniziative e sulle proposte di SEI per il mondo della scuola?
    Vedi la nostra informativa completa cliccando qui e poi indica cosa preferisci

    Sì, ho letto l’informativa e voglio rimanere in contatto con SEINo, non sono interessato

    Ricorda che se cambi idea, ti puoi cancellare dal servizio in qualunque momento cliccando sull’apposito link che troverai in ogni comunicazione ricevuta.