Dante è l’idea stessa di Italia

Il 25 marzo 2020 è, e resterà, una data “storica” per la cultura italiana: per la prima volta viene celebrato il “Dantedì“, cioè la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri, che si rinnoverà ogni anno, il 25 marzo.
La ricorrenza è stata ufficialmente istituita dal Consiglio dei Ministri Italiano: 

«Ogni anno, il 25 marzo, si celebrerà il Dantedì. Una giornata per ricordare in tutta Italia e nel mondo il genio di Dante con moltissime iniziative che vedranno un forte coinvolgimento delle scuole, degli studenti e delle istituzioni culturali».

Così ha dichiarato Dario Franceschini, ministro per i Beni e le attività culturali e per il turismo, aggiungendo:

«Dante è l’unità del Paese, Dante è la lingua italiana, Dante è l’idea stessa di Italia».

Perché il 25 marzo? Perché, secondo l’opinione di molti studiosi, fu nella notte del 25 marzo 1300 che Dante si ritrovò per una selva oscura / ché la diritta via era smarrita, all’inizio dunque di quel fantastico viaggio nei regni dell’oltretomba narrato nella Divina Commedia.

A “lanciare il sasso”, cioè la proposta pubblica di tale iniziativa, è stato lo scrittore Paolo Di Stefano, dalle pagine del quotidiano «Corriere della Sera» (3 giugno 2019): «Dopo sette secoli sembra il momento di uno scatto d’orgoglio tutto italiano».
La proposta ha raccolto una grande adesione: dall’Accademia della Crusca alla Società Dante Alighieri, dalla Società dantesca all’Associazione degli italianisti.
Una grande, entusiastica adesione, da parte di autorevoli rappresentanti della cultura italiana:

«Una giornata dantesca nel calendario non è solo importante, ma “inevitabile”! Dante è una delle maggiori figure della letteratura mondiale. L’hanno riconosciuto il critico Harold Bloom, quasi omonimo del personaggio joyciano, e anche Borges, il grande conoscitore del nostro Poeta. La fama di Dante è grande in tutto il mondo e nel mondo ci sono anche sue statue, per esempio persino a Tianjin, in Cina, o a La Valletta di Malta, dove campeggia quella più grande. Se la sua fama è così vitale ovunque, mi sembra più che giusto dedicargli un appuntamento annuale nel nome dell’arte e della bellezza». 

Così, ad esempio, saluta l’iniziativa Alessandro Masi, segretario generale della Dante Alighieri, la società fondata nel 1889 da Carducci per promuovere la lingua italiana nel mondo.
E il sentimento collettivo che unisce gli italiani (e non solo gli italiani) intorno alla poesia e alla figura di Dante è ben raccolto da Domenico De Martino, il direttore artistico del festival Dante 2021 di Ravenna

«Ho sentito diversi visitatori della Tomba di Dante a Ravenna dire che andavano a “salutare Dante”: come fosse un parente o un amico (vivo). Questo “sentire” sarebbe benissimo interpretato da un Dantedì collettivo, che potrà anche essere il giorno in cui si invitano tutti, in Italia e all’estero, a festeggiare il “padre” Dante, e tramite lui anche la nostra lingua e la nostra cultura, stimolandone anche una conoscenza più diffusa e più profonda».

Guarda il video Perché leggere Dante degli autori della casa editrice SEI:

http://www2.edu.lascuola.it/edizioni-digitali/LetteraturaIstruzioniUso1/Video/perche_leggere_Dante_165.mp4

Continua a leggere

Scrivi tu

    Benvenuto!
    Il blog Il folle volo è uno spazio aperto.
    Inviaci segnalazioni di “Luoghi” letterari nella tua zona o di eventi che hanno a che fare con il mondo della Letteratura, oppure carica articoli o presentazione di esperienze didattiche sui temi trattati dal blog.
    Compila il form sottostante e allega il tuo contributo.
    Gli autori e la redazione del blog valutano tutte le immagini e i testi che vengono inviati a Il folle volo.
    Se il tuo contributo verrà ritenuto idoneo, riceverai una mail che ti avviserà della pubblicazione nel nostro blog.

    N.B. Queste liberatorie sono necessaria per consentirci di analizzare il tuo contributo ed, eventualmente, procedere con la pubblicazione. Spunta entrambe le caselle per procedere con l’invio del materiale.

    Ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali saranno trattati solo per eventuale ricontatto in caso di pubblicazione nel blog del materiale da te inviato.
    Se hai meno di 14 anni non puoi registrarti né fornire relative autorizzazioni (D.Lgs. 10/8/2018 n. 101).
    Inviando il seguente messaggio dichiaro di aver letto l’informativa privacy

    Sei un docente e vuoi rimanere in contatto con noi in modo da essere informato sulle iniziative e sulle proposte di SEI per il mondo della scuola?
    Vedi la nostra informativa completa cliccando qui e poi indica cosa preferisci

    Sì, ho letto l’informativa e voglio rimanere in contatto con SEINo, non sono interessato

    Ricorda che se cambi idea, ti puoi cancellare dal servizio in qualunque momento cliccando sull’apposito link che troverai in ogni comunicazione ricevuta.